Tuesday, May 30, 2017

Ready To Die For Christ Truth


Ready To Die For Christ Truth




There is a great battle going on for the Truth! Jesus Christ is the Truth (Jn 14:6)! The Truth of God “will make you free!” (Jn 8:32; Jer 6:16), now and for all eternity! The false truth of Satan, “the father of lies” (Jn 8:44) will offer us some pleasure now, without the cross of Christ, but there will be slavery afterwards and for all eternity. There is great pressure on everyone today to be “politically correct”, especially in the Catholic Church in the last four years. No group or ecclesial movement will be exempt from the purification in this period of the “great tribulation” (Mt 24:21), not even the Marian Movement of Priests!
Visit:
The Church Will Be Purified in the Great Tribulation!


To have a deeper insight into the battle for the Truth, below you will find two recent letters of Father Quartilio Gabrielli, the first successor of Don Stefano Gobbi who was the founder of the Marian Movement of Priests (M.M.P.). After these two letters translated into English, you will find the original two letters in Italian.


- - - - - - -


First Letter of Father Quartilio Gabrielli (2017)


Marian Movement of Priests (MMP)
The centenary of the apparitions of Fatima
The movement is Fatima: Fatima is the Movement
Who does not remember the many times that Don Stefano repeated these words, to convey that same mission entrusted to him by Our Lady on that May 8, 1972.
I confess that in receiving the circular letter of the centenary of the apparitions of Fatima I was disappointed, not having been given the slightest indication about a fundamental event for the Movement, because not only is Fatima the birthplace of the Movement but, as Don Stefano repeated, The Movement is Fatima, Fatima is the Movement. It is true, they are organizing the spiritual exercises at Fatima to celebrate this very important date; but I do not know how many people will be able to participate. But for our Movement Fatima is certainly something more than just eight days of Spiritual Exercises; those who will not participate must live this centenary year in oblivion or almost?
This is why I felt the need to share this very important date for the Movement with all the members of the Movement. I do so in the name of Don Stefano, because I'm sure he would have done it with great gratitude to Mary's Immaculate Heart, and above all he would have offered and consecrated, together with all of us, to the Immaculate Heart of Mary the M.M.P. and the Marian Movement (M.M.), invoking and imploring Her triumph. I think that all those who knew Don Stefano have heard that his mission, entrusted to him by Our Lady herself, is due to the fact that Sr. Lucia, being a nun in cloister, could not make known throughout the world the wonderful project of Mercy which the Most Holy Trinity had entrusted to the Immaculate Heart of Mary. Because even more than Mary's desire that the third secret to be known since the 1960s, which was ignored, Our Lady chose Don Stefano, and then, as She says in a message, she chose the great Pope John Paul II: he too, with his hundred and more apostolic journeys, consecrated many countries to the Immaculate Heart of Mary.
Also during this year of the centenary, the Movement will complete 45 years of its existence. For nearly 40 years it was led by Don Stefano who, together with Mary, has spread it all over the world. Our Lady did this through her little son, who, as She asked him, let himself be guided and led by Her everywhere, in order to consecrate to Her Immaculate Heart the COHORT of Mary, born to fight the other cohort, that of her adversary. In the messages, Our Lady speaks of her cohort, which she prepared in the secret of Her Immaculate Heart for these times, which we now have to acknowledge and to not pretend to ignore it: this is devious, and it is very, really very serious to try to hide this. I say it sadly: anyone who knew Don Stefano knows that he would never, never hide that this year 2017 is the year of Mary; and that these are the times to defend the TRUTH from so many errors, to remain faithful to the true Church. We must now, in this centenary, act and commit ourselves with all our strength to remain faithful and to expose, "As has already been predicted by Me in Fatima, the false Christ without the Cross, thus the false Church free from the dusty truths, old, no longer suitable for today's times.”
Now I quote an uncomfortable message, I was told that it is dangerous to quote it, but on the contrary it is very current, not only but in a very useful way for us to be guided today and to be able to help others as well. I cite long pieces of this message, given at Fatima in 1989, on June 13, the second anniversary of the apparitions: today, unfortunately, we are living in full what she tells us.
Above all, as Mother, I have wanted to warn you of the grave dangers which threaten the Church today, because of the many and diabolical attacks which are being carried out against it to destroy it. To attain this end, there comes out of the earth, by way of aid to the Black Beast which arises out of the sea, a beast which has two horns like those of a lamb. … The black beast like a leopard indicates Freemasonry; the beast with the two horns like a lamb indicates Freemasonry infiltrated into the interior of the Church, that is to say, ecclesiastical Masonry, which has spread especially among the members of the hierarchy. This Masonic infiltration, in the interior of the Church, was already foretold to you by me at Fatima, when I announced to you that Satan would enter in even to the summit of the Church. If the task of Masonry is to lead souls to perdition, bringing them to the worship of false divinities, the task of ecclesiastical Masonry on the other hand is that of destroying Christ and his Church, building a new idol, namely a false christ and a false church. … I bring you to a great love for Jesus-Truth, making you courageous witnesses of the faith; to Jesus-Life, leading you to great holiness; to Jesus-Way, asking you to be in life the Gospel alone, lived out and proclaimed to the letter. Then I lead you to the greatest love for the Church. I bring you to love the Church-truth, making of you strong proclaimers of all the truths of the Catholic faith, as you set yourself in opposition, with strength and courage, to all errors. … I make of you ministers of the Church-life, helping you to be faithful and holy priests. Be always available for the needs of souls, lend yourselves, with generous abnegation, to the ministry of Reconciliation, and be burning flames of love and of zeal for Jesus present in the Eucharist. … I transform you into witnesses of the Church-way, and I make of you precious instruments of its unity. For this reason, I have given you, as a second pledge of my Movement, a special unity with the Pope. By means of your love and of your fidelity, the divine plan of perfect unity in the Church will once again shine forth in all its splendor. Thus to the dark force which ecclesiastical Masonry is today exercising to destroy Christ and his Church, I am opposing with the powerful splendor of my priestly and faithful army, so that Christ may be loved, listened to and followed by all, and that his Church may be more and more loved, defended and sanctified” (June 13, 1989).
Dear ones, let us not be fooled, it does not help to put our heads in the sand; not just the messages of Our Lady where she talks about loving each other; but also these and many others, where she talks to us to unveil to us our mission.
Now even for us today, dear ones, in these times of great confusion which has penetrated even in the Movement, Our Lady can ask each of us: Do you want to consent to my messages, and live them? Do you want to be part of my cohort, to fight the last battle? Or do you want, with a thousand fake excuses, to adapt to the predominant way of thinking, of a secularized Church, which has as its program to adapt itself to the modern times at the expense of the Truth of the Gospel, and of the 2000-year teaching of the perennial values inherent in human nature, free from sin?
- Are you willing to be rejected, mocked, persecuted, marginalized, trampled on, and to climb Mount Calvary with Me?
- Do you trust ME, do you believe that the messages I brought forth from my Immaculate Heart are the will of the Most Holy Trinity to defeat Satan and to overcome his hidden power, having penetrated as "a pernicious fog" even within the Church?
- Are you convinced that the errors so widespread today in the Church have spread such a great apostasy that has overshadowed my Church?
- Are you convinced that when he (Satan) will believe to have everything in his hand, that I will snatch from him the booty?
- Are you convinced that to knock down the occult power is not a leisurely walk, but it will be only the work of Mary the IMMACULATE: that to HER is entrusted with this task, and we, the little group, the ‘little remnant’, are called to be the Apostles of the last times?
- Do you believe that the words of the messages can help us to remain faithful and confident that the victory will be that of the IMMACULATE?
For this reason I would like to conclude by quoting a message that indicates to us that the task entrusted to us for this date of the hundredth year is something so great: "The likes of which has never happened since the creation of the world. That is why everything has already been predicted in the Bible” (October 18, 1975).
The hour of my battle has now arrived. In the harshest of winters, you are the buds which are opening up from my Immaculate Heart and which I am placing on the branches of the Church to tell you that her most beautiful springtime is about to arrive” (December 31, 1997).
I apologize if someone does not share my interventions; but for loyalty to the Immaculate Heart of Mary and for loyalty to Don Stefano I must do it. These are the final times of the struggle, it is time to choose where and with whom to stand.
Immaculate Heart of Mary: My Confidence, My Health, My Victory.


Father Quartilio Gabrielli (first successor of Don Stefano)


- - - - - - - - - - - -


Second Letter of Padre Quartilio Gabrielli (2017)


Dear members of the Marian Movement of Priests,
Dear members of the Marian Movement,
It's been almost two months since I wrote to all the ones in charge of the M.M.P. and of the M.M. the two letters of great uneasiness and disappointment as to how the Movement is run in these times, in which they are called to defend the Truth and to uncover error, and especially about the loss of the true spirit left to us by Don Stefano. I have tried in so many ways to make it clear to the One in charge and to his assistant that the Movement was betraying the purpose for which it was desired by the Immaculate Heart of Mary for these times.
After a careful examination and reflection, together with prayer and the various suggestions I have received from various members of the M.M.P., I have been able to ascertain that the cause of all this confusion is precisely myself, that I wanted, with the statues, to give to the Movement an official recognition: Our Lady did not like it, as she did not like it when Don Stefano tried to do the same thing. Cardinal Bertone wanted to transform the messages into Don Stefano's personal literary work, and, as Don Stefano repeated several times on that occasion, there is the risk of destroying the Movement.
Let me say that now, following the statutes to the letter, the Movement has become one of the many movements, but not the Marian Movement of Priests. We all know very well what Our Lady says repeatedly: the Movement is "HER WORK" and she will take care of it to go forward and to provide for everything else. That is why I am here to apologize to the Immaculate Heart for having betrayed this work with the statutes, her Work, and to all of you for not trusting in Mary, in wanting to give a formal and legal structure (never wanted by Our Lady), to a work of which the only owner is MARY alone, the IMMACULATE HEART of MARY. In this regard, I should make clear a fact that I think is important: we elected the two people in charge at Collevalenza at the end of June, prior to the approval of the statutes which were done on July 13 by the Bishop of Como, Msgr. Coletti.
For this reason, let me ask publically for forgiveness of Jesus, of Our Lady, of Don Stefano, and of all of you for the damage caused to the whole Movement for this my rush. Now, however, I can no longer be afraid to embrace the CROSS because in the midst of all of this is the salvation of souls: as the last priest who was able to share so many confidences with Don Stefano, I must assume full responsibility, also for the fact that Don Stefano had always refused an acknowledgment of the Movement, as he always said when asked this question: "The Movement is the Work of Mary, I cannot dispose of what is not mine." Again, I apologize for being the cause of the current confusion and of the swing away from the true mission of us as part of the cohort of Mary, who wants us in the forefront of fighting the cohort of the Adversary formed by the strongest, the most intelligent, the most powerful, the more numerous, influential and rich. While the cohort of Mary is formed by the last ones, by those who do not count for anything, by those which the world discards. Those who followed Don Stefano in the last years know that he used very often the example of Gideon, and even in the Movement there will remain few up to the final battle.
Naturally in this Work there are made use of instruments: in particular Don Stefano Gobbi was chosen. Why? On a page of the book this explanation is given: "My son, I have chosen you because you are the least apt instrument; thus no one will say that this is your work. The Marian Movement of Priests must be my work alone. Through your weakness I will manifest my strength; through your nothingness I will manifest my power” (July 16, 1973).
The M.M.P. is not therefore a laudable association, with many statutes and executives, promoted by some fervent priest or soul, but it is "a spirit", as the Holy Father John Paul II happily understood it. It is something impalpable, even though strong and alive, as are the gifts of God, and it has as its main purpose to live the consecration to the Immaculate Heart of Mary.
"I do not need human resources. "The Movement goes forward when you offer me your prayer and your suffering. … I have no need of human means. … to adhere to it depends entirely on correspondence to a special grace which I will grant to each one. And this you can obtain through your prayer, my son, through your love, through your suffering, and even through your inability to act” (June 24, 1974).
If I have asked for no juridical structure for the Movement, it is precisely because I want it to be spread in silence and hiddenness” (October 24, 1975).
This is not one of many movements, but it is my Movement, my son. So then let me act! All my priests must act this way. I will make them understand by causing every human means in which they had placed their trust to come tumbling down. They must entrust themselves to me alone” (February 10, 1974).
From all this do you realize the great mistake I made in making the statutes, do you understand my little trust in Mary, worried as I was just about my health? While it is Her the Leader of her squadron by the will of the Most Holy Trinity. So it's clear; the Mother of God and Mother of the Church did not want and does not want the juridical structure for her Movement. For this I myself submit myself to Her holy will, and therefore the M.M.P. and the M.M. might remain as they were with Don Stefano, before and immediately after his death. In this way the Movement returns to its original charism, as received and lived by Don Stefano. It goes back to its prior state to its juridical structure, as I received it as Don Stefano's first successor.
I know that all this may seem like science fiction, but we are facing an important supernatural decision: "No one can come to me unless it is granted to him by the Father" (Jn 6:65). In the face of supernatural choices, man alone would be lost, because "the flesh is of no avail" (Jn 6:63; St. John Paul II, Homily August 21, 1988). But if we think about this carefully, the Movement already has guidelines on how to act: we live what is in the act of consecration, there we find everything, there is no need of circular letters from the one in charge, even Don Stefano for ten years had suspended them.
Another very current point, in my opinion, is not so much the problem of organizing trips or anything else. After Don Stefano's death, I do not believe that one should copy what he did, given the fact that he received a particular charism; now in most of the world there are people in charge named by Don Stefano, they themselves already know what they must to do. Now the most important commitment is that everyone live and does what Our Lady asks, the rest, even to fill up the stadiums, is not needed. Let us remember the example that Don Stefano quoted very often, the example of Gideon. Let us not forget, Our Lady speaks of the small remnant; she says "not so many, but saints".
What I'm saying may seem like abdicating the commitments of the Movement: in some exterior things yes, but, if we go deeply, She does not need human means (even less human disquisitions). So I would like it to be known, also to clarify the purpose of the two letters I sent by email, of which someone was even scandalized: now I say that the Movement does not need structures, it does not need the statutes, it does not need reports, it does not need to pay for trips or anything else to do 8 days of spiritual exercises in Fatima, now there is needed priests, with the CRUCIFIX and the ROSARY, there is needed lay people who support and join in prayer with them "of one heart and soul” (Acts 4:32), so that the second Pentecost takes place as soon as possible.
The M.M.P. becomes a reality not in the figures, in the resonance of names, in the efficiency of the organization, but insofar as one listens to Our Lady and one follows the work of the Holy Spirit, to the praise of the Most Holy Trinity. (Introduction - Spirituality, pp. 25, 26)
So the one who guides the Movement I think must first embody the "Spirit" of the Movement and at the same time keep in mind the figure of Don Stefano.
I have always thought that the one who is designated as the Person in charge must keep in mind the figure of Don Stefano, but above all he must embody "the spirit of the Movement" as it comes from the messages of the "Blue Book". For this reason, rather than saying "I am the one in charge" his job is to help keep faith in the messages of the Blue Book and the charism left to us by Don Stefano. Everything else: organizing, doing, even recalling: She will take care of things when someone does not behave well. Let us keep in mind the example of Don Stefano, and I would say also let us read and re-read the messages of the first ten years of the Movement, where we find messages that formed Don Stefano, and certainly if we live them they will form the true "Apostles of the last times”. These "Apostles of the last times" are not formed by the circular letters which we can write, Our Lady says that She forms them, and that as the first thing they must be:
- Mary’s property.
- Announcing, proclaiming the Gospel with courage, resolutely unmasking the heresies and errors, which undermine Truth.
- You must withstand with the strength of little ones the proud force of the great and of the learned.
- You must follow Jesus, on the road of contempt for the world, of yourself, you will also be marginalized, despised, persecuted, unknown to others, faithful even to the shedding of blood. (June 8, 1991)
Excuse me if I go back to the circular letter, but in the light of what She is asking us, there is too much difference in the fulfilling of the one hundred years of Fatima, between the human propositions and the heavenly ones.
Are we to follow the "circular letter" or what Our Lady asks us, with these 4 commitments through which, in Fatima's centenary, our Movement must strive to live and to give life to Fatima's message, because we all remember, and Don Stefano He repeated often: FATIMA IS THE MOVEMENT, THE MOVEMENT IS FATIMA.
For this reason, due to this ambiguity of the One in charge and of others, within the charism of Don Stefano, there has been created a second structure within the Movement itself, from which this fracture originated: outwardly, the Movement remains the M.M.P., but in reality the new structure virtually replaces the true Movement and so destroys it. Several members in Italy have realized that the Movement as it is managed with the statutes does not resemble the Movement known in the times of Don Stefano. This is very noticeable in Italy also because the Person in charge in these three years has been present in the Regional Cenacles on very few occasions, and because, where the second in charge was present, many had the impression that he did not even know the Movement. In fact, he speaks excessively of himself or about topics not adhering to the messages of the Blue Book; talking about the second commitment then more according to what the newspapers write than what Our Lady teaches us.
Regarding the second commitment of the M.M.P.: unity and loyalty to the Pope. I would like to know if we as the Marian Movement of Priests must keep silent about the errors which destroy the true faith, generating such vast apostasy, which we find well described in most of the messages, to the point of reaching an unbelievable extension, because it has arrived "even to the summit of the Church" (June 13, 1989).
It seems to me that Our Lady asks us to unmask the error and to defend the Truth "even at the cost of shedding our blood."


Fr. Quartilio Gabrielli, the first successor of Don Stefano.


N.B. I add a theological contribution of Father Ivan Pojavnik, regarding how the Movement should relate to the present "Bishop of Rome".
Father Ivan Pojavnik has been in the Movement since the early years. He knew well Don Stefano. He attended many meetings with Don Stefano. He was a professor of theology at the faculty of Ljubljana-Slovenia. He has published various theological studies on the Second Vatican Council and on the Church. His is doctrine, true and certain, the messages he knows very well, he knows Don Stefano, so what he presents, we are confident, is true doctrine.


The charism of petrina infallibility.
1. "For the holy Spirit was promised to the successors of Peter not so that they might, by his revelation, make known some new doctrine, but that, by his assistance, they might religiously guard and faithfully expound the revelation or deposit of faith transmitted by the apostles (traditam per apostolos rivelationem)" (Vatican Council I, Dogmatic Constitution on the Church of Christ, IV). The Magisterium of the Church "is not above the word of God, but serves it, teaching only what has been handed on” (docens nonnisi quod traditum est)" (Vatican Council II, DV 10.2).
The exercise of the charism of the infallibility of Peter's successors is tied to the fulfillment of the conditions expressed in these passages of the two Vatican Councils. They must teach "only what is transmitted", that is, the divine and human Apostolic Tradition, whose source is in the Holy Spirit, the historical God-Man and at the same time the God-Man glorified in Heaven. If a Pope does not fulfill these conditions, he falls in error, as has happened several times in history.
The charism of a total and unconditional infallibility does not exist. Already the apostle Peter fell into an erroneous conception and ambiguous public act in the Christian community of Antioch, and was publicly corrected by the Apostle Paul (cf. Gal 2:11-16). The public correction was an act of truth and supernatural charity from Paul, derived from the Divine Heart of Christ. The first pope immediately accepted the public correction: "Being the first in the apostolic hierarchy, he was first also in humility" (St. Gregory the Great). This shows that the charism of supernatural humility is greater and more important than that of infallibility.


2. Unfortunately, there are numerous ambiguities and mistakes in Pope Francis's sermons at Santa Marta, as noted by some attentive observers over time. The most problematic thing is his exhortation "Amoris laetitia", which contains some serious ambiguities and errors, as is shown by a systematic comparison with the doctrine of Sacred Scripture, of some Ecumenical Councils (especially that of Trent), of Peter's successors from Leo XIII to Benedict XVI and of the Catechism of the Catholic Church, which is a "special gift of the Immaculate Heart of Mary for these times ... and as it were shining last testament of Pope John Paul II” (cf. M. 01-01-1993).
(Note: These messages can be found at: “To The Priests Our Lady’s Beloved Sons”; http://our-lady-priests.blogspot.it/).


The most serious problem is the teaching of Chapter VIII of the Exhortation. All of Peter's followers up to Benedict XVI have taught the same doctrine about the sacraments of marriage and penance, on the reception of the Most Holy Eucharist by Christians in the state of mortal sin, and the universal moral law (Decalogue). It is the doctrine of the Apostolic Tradition. Now in Chapter VIII next to the perpetual doctrine of the Church, there is also a new doctrine which contradicts, and this constitutes its fundamental ambiguity.
Here we are facing a decisive choice between two parts that are in contradiction: is it infallible the doctrine of all of Peter's successors before Pope Francis or his doctrine in Chapter VIII? If the doctrine of the second part is infallibly true, then that of the first part is infallibly untrue, that is, erroneous. Is this not a fracture with the Apostolic Tradition and with this, with the teaching of the Incarnate Logos of God that is divine, infallible, universal, and immutable?
In fact, two contradictory interpretations of Chapter VIII are spread at all levels of the Church. The interpretation that breaks the bond with the Apostolic Tradition undermines the three above-mentioned sacraments. In addition, it replaces the universal moral law (Decalogue) with the erroneous ethics of the situation (“situation ethics”): in particular, this is in flagrant contradiction with the teaching of the encyclical "Veritatis splendor" (1993) by John Paul II and of the Catechism of the Catholic Church. Many Bishop’s Conferences and many Bishops have already issued new pastoral guidelines that accept this fracture, they allow a grave abuse of the three sacraments, and push - in the name of mercy – civilly divorced people "remarried" to eternal damnation. Part of the Church is moving to Protestantism, and a huge crowd progresses headlong toward the infernal abyss.
"Man, in fact, obeys his ultimate purpose - which is God - by virtue of an absolute and necessary law (= moral law) founded on the infinite perfection of the same divine nature, in such a manner that not even God could exempt someone from observing it. With this eternal and immutable law it is established that man and all his actions must manifest, in praise and glory of the Creator, the infinite perfection of God, and must imitate it as much as possible" (Pius XII, encyclical Musicae sacrae, 1955; cf. John Paul II, encyclical Veritatis splendor, No. 91-92).


3. The second commitment of the M.M.P. remains: the fidelity to Peter's successor who "only teaches what has been transmitted by the apostles". In the teaching of Pope Francis, I accept the true part and I do not accept the ambiguities and the errors, for he "is not above the word of God," and I want to remain completely faithful to Christ-Truth.
Not understanding well some of Our Lady's messages and ignoring other uncomfortable ones, Fr. Larroque's circular letter defends a total and unconditional infallibility of Pope Francis. With this great mistake he has confirmed those members of the Movement who sleep as naive children in Gethsemane at this hour of the Church’s agony, and he has put to sleep many others. In addition, by virtue of its ambiguity, the circular letter has led a number of members away from the Movement of Our Lady to another movement.
(Note by Father Joseph Dwight: I believe that Father Ivan Pojavnik has concisely summarized well here what a great number of priests and bishops do today in the Catholic Church; a great number have taken the easy way: “In the Name of Purpose - Sacrificing Truth on the Altar of Unity” (Jeremiah 6:16), by Tamara Hartzell (http://inthenameofpurpose.org/inthename.pdf)! There is always the temptation of pride to seek and maintain one own glory before men (Lk 6:26; 16:14-15; Jn 12:43; 5:44; 12:43; Rom 2:29; 1Cor 4:5; Gal 1:10. See also “The True Easter!”; http://spir-food.blogspot.it/2017/05/the-true-easter.html).


The present situation in the Church.
4. "The Dragon is exulting at the vastness of his conquest, with the help of the Black Beast and the beast like a lamb” (cf M. 09-15-1989; M. 08-15-1989). By way of the meta-temptation of pride Satan has plunged mankind into the deepest abyss of atheism and has provoked a great apostasy from the faith in Christ. By forming in an occult and systematic manner a false Christ and a false Church, the beast, similar to a lamb, is taking possession of the Church (cf. M. 06-13-1989, M. 06-17-1989). This process advances very quickly to the culmination without a lot of people noticing it, unfortunately also many members of the Movement. Don Stefano said, "We must be intelligent children, that is, children with open eyes, and not stupid children, that is, with eyes closed."
Note well.: One should tremble in the face of the powerful and subtle pitfalls of the meta-temptation, with which Satan unleashes against us, which we are his first targets, because we belong to the Queen of victories. The Celestial Leader warns us: "Satan bites furiously at my heel" (M. 08-13-1975; cf. M. 06-28-1989). If the charisma of humility melts in the inebriating liquor of omniscient pride, then the three theological virtues and other charisms are emptied within a Christian. One should tremble before Satan's daily bites, with which he tries to inject us, drop by drop, especially his inebriating liqueur, first to get us into confusion and then to disperse us. Finally, one should shudder, since Leviathan strongly seduces us with a false security, as he already did with the apostles before the passion of Jesus, who had underestimated his predictions and the depth of the mystery of iniquity. "Satan ensnares you by causing you to feel like adults, sure of yourselves, and by causing you to set the basis of your security in your own selves, in your own ideas, in your own actions” (M. 07-08-1977).


5. "We further promise you the greatest loyalty to the Gospel, of which we shall always be genuine and courageous heralds, even, if necessary, to the shedding of our blood" (Act of Consecration). That is why I will never accept a break with the Apostolic Tradition, because I would depart from the Apostolic Church, indeed I would no longer be faithful to the Gospel and therefore to Christ Himself.
"True poverty of spirit is the gift I make to him whom I call. It is emptiness which draws my love. It is the wavelength on which my voice can be heard and understood" (M. 12-31-1976). The Poetess of the Magnificat sings in many messages an incomparable hymn to the virtue of humility. Only if we are truly poor in spirit we can hear and understand her Voice: She tells us in several messages that we are today in the concluding phase of the apocalyptic battle. For this battle, the heavenly Leader has formed Her cohort by conducting it, through the lived consecration to her Immaculate Heart, to the victorious high mountain of Christ Crucified and Risen. But only those mountainers, who have reached levels far superior to the mediocre life, clearly observe in the divine light the global battlefield and recognize the moves of the cohort of the Adversary. These heroic climbers are "strong proclaimers of all the truths of the Catholic faith, as you set yourself in opposition, with strength and courage, to all errors” (cf. M. 06-13-1989).
As prophetically predicted by Don Stefano in the meditation on Gideon's battle against the Madianites, only a remnant of the Movement will be ready for the heroic climb of Calvary up to the end, but with this remnant Our Lady will obtain her triumph. In this horizon of the paschal mystery of Christ and of His Mother, actualized today (many messages explain this), Father Quartilio put at the end of the two letters seven important questions.


Father Ivan Pojavnik


- - - - - - - -


The original two letters of Father Quartilio Gabrielli in Italian:


Prima Lettera di Padre Quartilio Gabrielli (2017)


Movimento Sacerdotale Mariano
Il centenario delle apparizioni di Fatima
Il movimento è Fatima: Fatima è il Movimento.
Chi non ricorda le tante volte che Don Stefano ripeteva queste parole, per trasmetterci quella stessa missione affidatagli dalla Madonna in quell’ 8 maggio 1972.
Confesso che nel ricevere la circolare del centenario delle apparizioni di Fatima sono rimasto deluso, non essendo stato fatto un minimo cenno su un avvenimento fondamentale per il Movimento, perché non solo Fatima è il luogo di nascita del Movimento ma, come ripeteva sempre Don Stefano: Il Movimento è Fatima, Fatima è il Movimento. E’ vero, si stanno organizzando gli Esercizi spirituali a Fatima, per celebrare questa importantissima data; ma non so quanti vi potranno partecipare. Ma per il nostro Movimento Fatima è ben altro che otto giorni di Esercizi spirituali; chi non parteciperà deve vivere questo anno centenario nel dimenticatoio o quasi?
Ecco perché ho sentito il bisogno di condividere questa importantissima data per il Movimento con tutti gli appartenenti al Movimento. Lo faccio a nome di Don Stefano, perché sono sicuro che lui l’avrebbe fatto, con grande gratitudine verso il Cuore Immacolato di Maria, e soprattutto avrebbe offerto e consacrato, insieme a tutti noi membri, al Cuore Immacolato di Maria il M.S.M. e il M.M., invocando e implorando il Suo trionfo. Penso che tutti coloro che hanno conosciuto Don Stefano abbiano sentito dire che la sua missione, affidatagli dalla Madonna stessa, è dovuta al fatto che Sr. Lucia, essendo una suora di clausura, non poteva far conoscere a tutto il mondo il meraviglioso progetto di Misericordia che la Santissima Trinità aveva affidato al Cuore Immacolato di Maria. Poiché inoltre il volere di Maria, che cioè il terzo segreto fosse fatto conoscere fin dagli anni 1960, era stato ignorato, la Madonna ha scelto Don Stefano e poi, come Lei dice in un messaggio, ha scelto il grande Papa San Giovanni Paolo II: anche lui con i suoi cento e più viaggi apostolici ha consacrato tantissimi paesi al Cuore Immacolato di Maria.
Inoltre in questo anno del centenario il Movimento compirà i 45 anni. Per quasi 40 anni è stato guidato da Don Stefano che, insieme a Maria, lo ha diffuso in tutto il mondo. La Madonna lo ha fatto attraverso il suo piccolo figlio, il quale, come Lei gli ha chiesto, si è lasciato da Lei guidare e portare ovunque, per consacrare al Suo Cuore Immacolato la SCHIERA di Maria, sorta per combattere l’altra schiera, quella del suo avversario. Nei messaggi la Madonna parla della sua schiera, che ha preparato nel segreto del Suo Cuore Immacolato per questi tempi, che ora dobbiamo riconoscere e non far finta di ignorare: questo è deviante, ed è molto ma molto grave che si cerchi di nascondere tutto questo. Lo dico con tristezza: chi ha conosciuto don Stefano sa che non avrebbe mai e poi mai nascosto che questo anno 2017 è l’anno di Maria; e che sono questi i tempi per difendere la VERITA’ dai tanti e tanti errori, di rimanere fedeli alla vera Chiesa. Dobbiamo ora, in questo centenario, agire e impegnarci con tutte le forze per rimanere fedeli e smascherare cioè ”Come vi è già stato da Me predetto in Fatima, il falso Cristo senza la Croce, quindi la falsa Chiesa che si libera dalle verità polverose, vecchie, non più adatte per i tempi di oggi.
Ora cito un messaggio scomodo, mi è stato detto che è pericoloso citarlo, ma al contrario è molto attuale, non solo, ma in modo particolare utilissimo per essere noi guidati oggi, e poter aiutare anche altri. Cito lunghi brani di questo messaggio, dato a Fatima nel 1989, il 13 giugno, secondo anniversario delle apparizioni: oggi, purtroppo viviamo appieno quello che ci dice.
“Soprattutto, come Mamma, vi ho voluto avvertire del grande pericolo che minaccia oggi la Chiesa, a causa dei molti e diabolici attacchi che si compiono contro di lei per distruggerla. Per raggiungere questo scopo, alla bestia nera che sale dal mare viene in aiuto, dalla terra, una bestia che ha due corna, simili a quelle di un agnello. La bestia nera, simile a una pantera, indica la massoneria; la bestia con due corna, simile a un agnello, indica la massoneria infiltrata all’interno della Chiesa, cioè la massoneria ecclesiastica, che si è diffusa soprattutto fra i membri della Gerarchia. Questa infiltrazione massonica, all’interno della Chiesa, vi è già stata da Me predetta in Fatima, quando vi ho annunciato che Satana si sarebbe introdotto fino al vertice della Chiesa. Se compito della massoneria è di condurre le anime alla perdizione, portandole al culto di false divinità, lo scopo della massoneria ecclesiastica è invece quello di distruggere Cristo e la sua Chiesa, costruendo un nuovo idolo, cioè un falso Cristo ed un falsa Chiesa. ... Vi porto ad un grande amore a Gesù verità, facendovi coraggiosi testimoni di fede; a Gesù vita, portandovi a grande santità; a Gesù via, chiedendovi di essere nella vita solo Vangelo vissuto ed annunciato alla lettera. Poi vi conduco al più grande amore alla Chiesa. — Vi faccio amare la Chiesa-verità, facendovi forti annunciatori di tutte le verità della fede cattolica, mentre vi opponete, con forza e coraggio, a tutti gli errori. — Vi rendo ministri della Chiesa-vita, aiutandovi ad essere Sacerdoti fedeli e santi. Siate sempre disponibili alle necessità delle anime, prestatevi, con generosa abnegazione, al ministero della Riconciliazione e siate fiamme ardenti di amore e di zelo verso Gesù presente nella Eucaristia. Vi trasformo in testimoni della Chiesa-via, e vi rendo strumenti preziosi della sua unità. Per questo vi ho donato, come secondo impegno del mio Movimento, una particolare unità al Papa. Per mezzo del vostro amore e della vostra fedeltà, il disegno divino della perfetta unità della Chiesa tornerà a risplendere in tutto il suo splendore. Così alla tenebrosa forza, che oggi esercita la massoneria ecclesiastica, per distruggere Cristo e la sua Chiesa, Io oppongo il forte splendore della mia schiera sacerdotale e fedele, perché Cristo sia da tutti amato, ascoltato e seguito, e la sua Chiesa sia sempre più amata, difesa e santificata” (13 giugno 1989).
Carissimi, non lasciamoci ingannare, non serve mettere la testa sotto la sabbia, non sono veri solo i messaggi della Madonna dove Lei ci parla di volerci bene tra di noi; ma anche questi e molti altri, dove Lei ci parla per svelarci la nostra missione.
Ora anche per noi oggi, carissimi, in questi tempi di grande confusione, penetrata anche nel Movimento, la Madonna può chiedere a ciascuno di noi: Vuoi accogliere i miei messaggi, viverli, Vuoi far parte della mia schiera, per combattere l’ultima battaglia? O ti vuoi, con mille scuse fasulle, adeguare al pensiero dominante, di una Chiesa secolarizzata, che ha come programma di adeguarsi ai tempi moderni, a scapito della Verità del Vangelo, e dell’insegnamento bimillenario sui valori perenni, insiti nella natura umana, liberata dal peccato?
- Sei disposto ad essere rifiutato, deriso, perseguitato, emarginato, calpestato, ed a salire il Calvario con Me?
- Ti fidi di ME, credi che i messaggi che ho fatto uscire dal mio Cuore Immacolato sono il volere della Santissima Trinità, per sconfiggere Satana e abbatterne il potere occulto, penetrato come “una nebbia perniciosa” anche all’interno della Chiesa?
- Sei convinto che gli errori tanto diffusi oggi nella Chiesa hanno diffuso una apostasia tanto grande che ha oscurato la mia Chiesa?
- Sei convinto che quando lui (satana) crederà di avere tutto in mano IO gli strapperò la preda?
- Sei convinto che abbattere il potere occulto non è una passeggiata, ma sarà solo opera di Maria l’IMMACOLATA: che a LEI è affidato il compito e noi, la piccola schiera, il piccolo resto, siamo chiamati ad essere gli Apostoli degli ultimi tempi?
- Credi che le parole dei messaggi possono aiutarci a rimanere fedeli e fiduciosi, che la vittoria sarà dell’IMMACOLATA?
Per questo vorrei concludere citando un messaggio che ci indica che il compito che ci è stato affidato per questa data dei cento anni è qualcosa di talmente grande: “Mai stata così dalla creazione del mondo: per questo è stato tutto predetto nella Bibbia(18 ottobre 1975).
L’ora della mia battaglia è giunta. Nel più crudo inverno voi siete le gemme che sbocciano dal Mio Cuore Immacolato e che Io depongo sui rami della Chiesa per dirvi che sta per giungere la sua più bella primavera” (31 dicembre 1997).
Chiedo scusa se qualcuno non condivide questi miei interventi; ma per fedeltà al Cuore Immacolato di Maria e per fedeltà a Don Stefano lo devo fare. Questi sono i tempi conclusivi della lotta, è tempo di scegliere dove e con chi stare.
Cuore Immacolato di Maria: Fiducia, Salute, Vittoria mia.


P. Quartilio Gabrielli (primo successore di Don Stefano)


- - - - - - - - - - - -
Seconda Lettera di Padre Quartilio Gabrielli (2017)


Carissimi membri del Movimento Sacerdotale Mariano,
Carissimi membri del Movimento Mariano,
Sono passati quasi due mesi da quando ho scritto a tutti i responsabili del M.S.M. e del M.M. le due lettere di forte disagio e disappunto per come il Movimento è gestito in questi tempi, in cui si è chiamati a difendere la Verità e a smascherare l’errore, e soprattutto per la perdita del vero spirito che ci ha lasciato Don Stefano. Ho tentato in tanti i modi di far capire al Responsabile e al suo vice che il Movimento tradiva lo scopo per cui è stato voluto dal Cuore Immacolato di Maria per questi tempi.
Dopo un attento esame e riflessione, unita alla preghiera e ai vari suggerimenti pervenutimi da varie parti da alcuni membri del MSM, ho potuto constatare che la causa di tutta questa confusione sono proprio io, che ho voluto, con lo statuto, dare al Movimento un riconoscimento ufficiale: la Madonna non l’ha gradito, come non l’aveva gradito quando lo tentò Don Stefano stesso. Il Card. Bertone voleva trasformare i messaggi in opera letteraria personale di Don Stefano e, come ripeté varie volte in quell’occasione Don Stefano, si rischiò la distruzione del Movimento.
Lasciatemi dire che ora, seguendo lo statuto alla lettera, il Movimento è diventato uno dei tanti movimenti, ma non il Movimento Sacerdotale Mariano. Tutti conosciamo molto bene quello che la Madonna dice ripetutamente: che il Movimento è “OPERA SUA” e pensa LEI a mandarlo avanti e a provvedere a tutto il resto. Per questo sono qui a chiedere scusa al Cuore Immacolato per aver tradito con lo statuto questa sua Opera, e a tutti voi per non essermi fidato di Maria, nel voler dare una strutturazione ufficiale e giuridica (mai voluta dalla Madonna), ad un opera di cui unica proprietaria è solo MARIA, il CUORE IMMACOLATO di MARIA. A questo proposito devo precisare un fatto secondo me importante: noi abbiamo eletto i due responsabili a Collevalenza alla fine di giugno, prima dell’approvazione dello statuto, che è stata fatta il 13 luglio dal Vescovo di Como, Mons. Coletti.
Per questo lasciate che chieda pubblicamente perdono a Gesù, alla Madonna, a Don Stefano e a tutti voi per i danni causati a tutto il Movimento per questa mia fretta. Ora però non posso più aver paura di abbracciare la CROCE perché ne va di mezzo la salvezza delle anime: come ultimo sacerdote che ha potuto condividere tante confidenze con Don Stefano, devo assumermi la piena responsabilità, anche per il fatto che Don Stefano ha sempre rifiutato un riconoscimento del Movimento, come diceva sempre quando gli si faceva questa domanda: “Il Movimento è Opera di Maria, non posso disporre di ciò che non è mio”. Chiedo ancora una volta scusa per essere stato io la causa dell’attuale confusione e dell’allontanamento dalla vera missione di noi facenti parte della schiera di Maria, che ci vuole in prima linea a combattere la schiera dell’Avversario formata dai più forti, intelligenti, dai più potenti, più numerosi, influenti e ricchi. Mentre la schiera di Maria è formata dagli ultimi, da coloro che non contano nulla, da quelli che il mondo scarta. Chi ha seguito Don Stefano negli ultimi anni sa che lui usava spessissimo l’esempio di Gedeone, e anche nel Movimento rimarranno in pochi fino alla battaglia finale.
In questa Opera naturalmente sono usati degli strumenti: in modo particolare è stato scelto don Stefano Gobbi. Perché? In una pagina del libro viene data questa spiegazione: «Ho scelto te, perché sei lo strumento meno adatto; così nessuno dirà che è opera tua. Il Movimento Sacerdotale Mariano deve essere solo Opera mia. Attraverso la tua debolezza Io manifesterò la mia forza; attraverso la tua nullità Io manifesterò la mia potenza». (16 luglio 1973).
Il M.S.M. non è quindi una sia pur lodevole associazione, con tanto di statuto e dirigenti, promossa da qualche prete o anima fervorosa, ma è “uno spirito”, come ha di esso felicemente intuito il Santo Padre Giovanni Paolo Il. È un qualcosa di impalpabile, ma pur forte e vivo, come sono i doni di Dio, e ha come scopo principale il vivere la consacrazione al Cuore Immacolato di Maria.
Non ho bisogno di mezzi umani. «Il Movimento va avanti quando mi offri sempre la tua preghiera e la tua sofferenza. Non ho bisogno di mezzi umani … l’aderirvi dipende solo dal corrispondere ad una grazia speciale che Io a ciascuno concedo. E questa puoi ottenerla con la tua preghiera, figlio, col tuo amore, con il tuo soffrire, persino con la tua impossibilità di fare».( 24 giugno 1974)
Se Io ho chiesto nessuna struttura giuridica per il mio Movimento è perché è mio preciso volere che si diffonda nel silenzio e nel nascondimento” (24 ottobre 1975)
Questo non è uno dei tanti movimenti, ma è il mio Movimento, o figlio. Lascia dunque fare a Me. Così dovranno fare tutti i miei Sacerdoti: lo farò capire facendo crollare ogni mezzo umano in cui riporranno la loro fiducia. Devono fidarsi solo di Me”. (10 febbraio 1974)
Da tutto ciò capite il grande sbaglio che ho fatto nel fare lo statuto, capite la mia poca fiducia in Maria, preoccupato come ero solo della mia salute? Mentre è Lei la Condottiera della sua schiera per volere della Santissima Trinità. Quindi è chiaro; la Madre di Dio e Madre della Chiesa non ha voluto e non vuole la struttura giuridica per il suo Movimento. Per questo io stesso mi sottometto alla Sua santa volontà, e quindi il M.S.M. e il M.M. rimangano tali e quali come erano con Don Stefano, prima e subito dopo la sua morte. In questo modo il Movimento torna al suo carisma originario, come l’ha ricevuto e vissuto Don Stefano. Torna allo stato precedente alla sua struttura giuridica, così come io l’ho ricevuto come primo successore di Don Stefano.
So che tutto ciò potrà sembrare da fantascienza, ci troviamo invece davanti ad un’importante decisione soprannaturale: «“Nessuno può venire a me se non gli è concesso dal Padre mio” (Gv 6, 65). Di fronte alle scelte soprannaturali l’uomo da solo sarebbe perduto, perché “la carne non giova a nulla”» (San Giovanni Paolo II, Omelia 21 agosto 1988). Ma se ci pensiamo bene il Movimento ha già le direttive su come agire: viviamo quello che c’è nell’atto di consacrazione, lì c’è tutto, non occorrono circolari del responsabile, anche Don Stefano per un periodo di dieci anni le aveva sospese.
Un altro punto molto attuale è secondo me non è tanto il problema di organizzare viaggi o altro. Dopo la morte di Don Stefano, non credo che si debba copiare quello che lui faceva avendo ricevuto un carisma particolare; ora in gran parte del mondo ci sono responsabili nominati da Don Stefano, essi stessi sanno già cosa devono fare. Ora l’impegno più importante è che ognuno viva e faccia quello che la Madonna chiede, il resto, riempire perfino gli stadi, non serve, ricordiamo l’esempio che Don Stefano citava molto spesso, l’esempio di Gedeone; non dimentichiamo, la Madonna parla del piccolo resto; dice: “non tanti, ma santi”.
Questo che sto dicendo può sembrare come un abdicare agli impegni del Movimento: in alcune cose esteriori sì, ma, se approfondiamo bene, Lei non ha bisogno di mezzi umani, (tantomeno di disquisizioni umane). Quindi vorrei che si sappia, anche per chiarire lo scopo delle due lettere che ho spedito per email, di cui qualcuno si è persino scandalizzato: ora dico che il Movimento non ha bisogno di strutture, non ha bisogno dello statuto, non ha bisogno di resoconti, non ha bisogno di pagare viaggi o altro per fare 8 giorni di esercizi spirituali a Fatima, ora occorrono Sacerdoti, con il CROCIFISSO e la CORONA del ROSARIO, occorrono laici che sostengono e si uniscono in preghiera con loro un “cuor solo e un anima sola”, perché la seconda Pentecoste avvenga prima possibile.
Il M.S.M. diventa realtà non nelle cifre, nella risonanza dei nomi, nell’efficienza dell’organizzazione, ma nella misura in cui si ascolta la Madonna e si asseconda l’opera dello Spirito Santo, a lode della Santissima Trinità. (Introduzione – spiritualità, Pag. 25, 26)
Quindi colui che guida il Movimento penso debba innanzi tutto incarnare lo “Spirito” del Movimento e nello stesso tempo tenere presente la figura di Don Stefano.
Io ho sempre pensato che colui che è designato come Responsabile generale deve tenere presente la figura di Don Stefano, ma soprattutto deve incarnare “lo spirito del Movimento” come ci viene dai messaggi del “Libro azzurro”. Per questo, più che dire “io sono il responsabile” il suo compito è quello di aiutare a rimanere fedeli ai messaggi del Libro azzurro e al carisma che ci ha lasciato Don Stefano. Tutto il resto: organizzare, fare, anche richiamare: ci pensa Lei ad allontanare quando qualcuno non si comporta bene. Teniamo presente l’esempio di Don Stefano, e direi anche leggiamo e rileggiamo i messaggi dei primi dieci anni del Movimento, dove troviamo messaggi che hanno formato Don Stefano, e certamente se li viviamo formeranno i veri “Apostoli degli ultimi tempi. Questi “Apostoli degli ultimi tempi” non li formano le circolari che possiamo scrivere noi, la Madonna dice che li forma Lei, e che come prima cosa devono essere:
- Proprietà di Maria.
- Annunciare, proclamare con coraggio il Vangelo, smascherare con decisione eresie e errori, che sovvertano la Verità.
- Dovete opporvi con la forza dei piccoli, ai dotti, ai sapienti.
- Dovete seguire Gesù, sulla strada del disprezzo del mondo, di voi stessi, sarete anche emarginati, disprezzati, perseguitati, sconosciuti ai più, fedeli fino allo spargimento di sangue. (8 giugno 1991)
Scusate se ritorno ancora sulla circolare, ma alla luce di ciò che ci chiede Lei , c’è troppa differenza, nel compiersi dei cento anni di Fatima, tra la proposta umana e quella celeste.
Dobbiamo seguire la “circolare” o quello che ci chiede la Madonna, con questi 4 impegni mediante i quali, nel centenario di Fatima, il nostro Movimento deve adoperarsi a vivere e a far vivere il messaggio di Fatima, perché tutti ricordiamo, e Don Stefano lo ripeteva spesso: FATIMA E’ IL MOVIMENTO, IL MOVIMENTO E’ FATIMA.
Per questo, a causa di questa ambiguità del Responsabile e di altri, all’interno del carisma di Don Stefano, si è creata una seconda struttura all’interno del Movimento stesso, da cui ha avuto origine questa frattura: esteriormente rimane il Movimento M.S.M., ma in realtà la nuova struttura praticamente sostituisce il vero Movimento e così lo distrugge. Vari membri in Italia si sono accorti che il Movimento come è gestito con lo statuto non somiglia al Movimento conosciuto ai tempi di Don Stefano. Questo è avvertito in modo molto evidente in Italia anche perché il Responsabile in questi tre anni si è reso presente nei cenacoli regionali in pochissime occasioni, e perché, dove è stato presente il vice-responsabile, molti hanno avuto l’impressione che lui non conoscesse neanche il Movimento. Infatti egli parla esageratamente di se stesso o di temi non aderenti ai messaggi del libro Azzurro; parlando del secondo impegno poi più secondo quello che scrivono i giornali che come c’insegna la Madonna..
Riguardo al secondo impegno del MSM: unità e fedeltà al Papa. Vorrei sapere se noi come Movimento Sacerdotale Mariano dobbiamo tacere riguardo gli errori che distruggono la vera fede, generando una apostasia talmente vasta, che troviamo descritta benissimo in gran parte dei messaggi, da raggiungere un’incredibile estensione, perché arrivata “perfino ai vertici della Chiesa”, (13 giugno 1989).
La Madonna mi sembra che ci chieda di smascherare l’errore e di difendere la Verità “anche a costo di spargere il nostro sangue”.


P. Quartilio Gabrielli, primo successore di Don Stefano.


N.B. Aggiungo un apporto teologico di D. Ivan Pojavnik, riguardo a come il Movimento si deve relazionare con l’attuale “Vescovo di Roma”.
Don Ivan Pojavnik è nel Movimento fin dai primi anni. Ha conosciuto da vicino Don Stefano. Ha partecipato a tantissimi incontri con Don Stefano. E’ stato professore di teologia alla facoltà di Lubiana-Slovenia. Ha pubblicato vari studi teologici sul Concilio Vaticano II e la Chiesa. La sua è dottrina, è vera e sicura, i messaggi li conosce molto bene, ha conosciuto Don Stefano, quindi quello che lui ci espone, siamo tranquilli, è vera dottrina.


Il carisma dell’infallibilità petrina.
1. «Infatti ai successori di Pietro lo Spirito Santo non è stato promesso perché manifestassero, per sua rivelazione, una nuova dottrina, ma perché con la sua assistenza custodissero santamente ed esponessero fedelmente la rivelazione trasmessa tramite gli apostoli (traditam per apostolos rivelationem), cioè il deposito della fede» (Concilio Vaticano I, Costituzione dogmatica sulla Chiesa di Cristo, IV). Il Magistero della Chiesa «però non è al di sopra della parola di Dio, ma è al suo servizio, insegnando soltanto ciò che è stato trasmesso (docens nonnisi quod traditum est)» (Concilio Vaticano II, DV 10,2).
L’esercizio del carisma dell’infallibilità dei successori di Pietro è legato all’adempimento delle condizioni espresse in questi brani dei due Concili Vaticani. Essi devono insegnare “soltanto ciò che è stato trasmesso”, cioè la Tradizione apostolica divina e umana, la cui sorgente è, nello Spirito Santo, il Dio-Uomo storico e al tempo stesso il Dio-Uomo glorificato in Cielo. Se un Papa non adempie queste condizioni, cade in errore, come è successo più volte nella storia.
Il carisma di una totale e incondizionata infallibilità non esiste. Già l’apostolo Pietro è caduto in una concezione erronea e in un agire pubblico ambiguo nella comunità cristiana di Antiochia, ed è stato pubblicamente corretto dall’apostolo Paolo (cf. Gal 2,11–16). La correzione pubblica è stata un atto di verità e di carità soprannaturali da parte di Paolo, scaturito dal Cuore divino di Cristo. Il primo Papa ha accettato subito la correzione pubblica: «Essendo primo nella gerarchia apostolica, è stato primo anche nell’umiltà» (San Gregorio Magno). Ciò manifesta che il carisma dell’umiltà soprannaturale è più grande e più importante di quello dell’infallibilità.


2. Purtroppo ci sono numerose ambiguità ed errori nelle prediche del Papa Francesco a Santa Marta, come hanno notato alcuni attenti osservatori nel corso del tempo. La cosa più problematica è la sua esortazione “Amoris laetitia”, che contiene alcune gravi ambiguità ed errori, come constata una comparazione sistematica con la dottrina della Sacra Scrittura, di alcuni Concili Ecumenici (soprattutto di quello di Trento), dei successori di Pietro da Leone XIII fino al Benedetto XVI e del Catechismo della Chiesa Cattolica, il quale è un “dono speciale del Cuore Immacolato di Maria per questi nostri tempi … e quasi luminoso e supremo testamento del Papa Giovanni Paolo II” (cf. M. 1. 1. 1993).
(Nota: Si può trovare questi messaggi a: “Ai sacerdoti figli prediletti della Madonna”; http://madonna-sacerdoti.blogspot.it/).


Il problema più grave costituisce l’insegnamento del capitolo VIII dell’esortazione. Tutti i successori di Pietro fino al Benedetto XVI hanno insegnato la stessa dottrina sui sacramenti del matrimonio e della penitenza, sulla ricezione della Santissima Eucaristia da parte dei cristiani in stato del peccato mortale, e sulla legge morale universale (Decalogo). Si tratta della dottrina della Tradizione apostolica. Ora nel capitolo VIII accanto alla perenne dottrina della Chiesa se ne trova anche una nuova che la contraddice, e ciò costituisce una sua ambiguità fondamentale.
Qui siamo davanti ad una scelta decisiva fra due parti che sono tra loro in contraddizione: è infallibile la dottrina di tutti i successori di Pietro prima di Papa Francesco o la sua nel capitolo VIII? Se la dottrina della seconda parte è infallibilmente vera, allora quella della prima parte è infallibilmente non vera, cioè erronea. Non comporta questo fatto una frattura con la Tradizione apostolica e con ciò con l’insegnamento del Logos di Dio incarnato che è divino, infallibile, universale e immutabile?
In effetti si diffondono a tutti livelli della Chiesa due interpretazioni contraddittorie del capitolo VIII. L’interpretazione che rompe il legame con la Tradizione apostolica scalza i tre suddetti sacramenti. Inoltre essa sostituisce la legge morale universale (il Decalogo) con l’erronea etica della situazione: in particolare ciò succede in flagrante contraddizione con l’insegnamento dell’enciclica “Veritatis splendor” (1993) di Giovanni Palo II e del Catechismo della Chiesa Cattolica. Molte Conferenze episcopali e molti Vescovi hanno già emanato nuovi orientamenti pastorali che accettano questa frattura, permettono un abuso gravissimo dei tre sacramenti e spingono – nel nome della misericordia – i divorziati civilmente “risposati” verso la dannazione eterna. Una parte della Chiesa sta passando al protestantesimo e un’enorme folla progredisce a capofitto verso l’abisso infernale.
«L’uomo, infatti, ubbidisce al suo fine ultimo – che è Dio – in forza di una legge assoluta e necessaria (= legge morale) fondata sulla infinita perfezione della stessa natura divina, in maniera tale che neppure Iddio potrebbe esimere alcuno ad osservarla. Con questa legge eterna ed immutabile viene stabilito che l’uomo e tutte le sue azioni devono manifestare, a lode e gloria del Creatore, la infinita perfezione di Dio, e devono imitarla per quanto è possibile» (Pio XII, enciclica Musicae sacrae, 1955; cf. Giovanni Paolo II, enciclica Veritatis splendor, n. 91–92).


3. Il secondo impegno del MSM rimane: la fedeltà al successore di Pietro che “insegna soltanto ciò che è stato trasmesso dagli apostoli”. Nell’insegnamento di Papa Francesco io accetto la parte vera e non accetto le ambiguità e gli errori, poiché egli “non è al di sopra della parola di Dio”, ed io voglio restare integralmente fedele a Cristo-Verità.
Non comprendendo bene alcuni messaggi della Madonna e tralasciandone altri scomodi, la circolare di P. Larroque difende una totale e incondizionata infallibilità di Papa Francesco. Essa con questo grande errore ha confermato quei membri del Movimento che dormono come bambini ingenui nel Getsemani in quest’ora dell’agonia della Chiesa, e ha addormentato molti altri. Inoltre, in virtù della sua ambiguità, essa ha condotto un certo numero di membri dal Movimento della Madonna in un altro movimento.
(Nota da Don Jo (Joseph) Dwight: Credo che Don Ivan Pojavnik ha riassunto bene e conciso qui ciò che fanno tantissimi sacerdoti e vescovi nella Chiesa Cattolica oggi; tantissimi hanno presa la strada più facile: "Nel nome dello Scopo - sacrificare la verità sull'altare dell'Unità" (Geremia 6:16) (“In the Name of Purpose - Sacrificing Truth on the Altar of Unity”), di Tamara Hartzell (in inglese: http://inthenameofpurpose.org/inthename.pdf)! C’è sempre la tentazione della superbia di cercare e di mantenere la propria gloria davanti agli uomini (Lc 6,26; 16,14-15; Gv 12,43; 5,44; 12,43; Rm 2,29; 1Cor 4,5; Gal 1,10. Vedete anche: “La Vera Pasqua!”; http://cibo-spir.blogspot.it/2017/05/la-vera-pasqua.html).


La situazione attuale nella Chiesa.
4. «Il Drago esulta di fronte alla vastità della sua conquista, con l’aiuto della bestia nera e della bestia simile ad un agnello» (M. 15. 9. 1989; cf. M. 15. 8. 1989). Mediante la meta-tentazione della superbia Satana ha precipitato l’umanità nel baratro più profondo dell’ateismo ed ha provocato una grande apostasia dalla fede in Cristo. Formando in maniera occulta e sistematica un falso Cristo e una falsa Chiesa, la bestia simile a un agnello sta prendendo possesso della Chiesa (cf. M. 13. 6. 1989; M. 17. 6. 1989). Questo processo avanza velocemente verso il culmine senza che moltissimi se ne accorgano, purtroppo anche numerosi membri del Movimento. Don Stefano ha detto: «Dobbiamo essere bambini intelligenti, cioè bambini con gli occhi aperti, e non bambini stupidi, vale a dire con gli occhi chiusi».
N.B.: c’è da tremare di fronte alle potenti e subdole insidie della meta-tentazione, con cui Satana si scatena contro di noi, che costituiamo il suo primo bersaglio, perché apparteniamo alla schiera della Regina delle vittorie. La Celeste Condottiera ci avverte: «Satana morde rabbioso il mio calcagno» (M. 13. 8. 1975; cf. M. 28. 6. 1989). Se il carisma dell’umiltà si scioglie nel liquore inebriante della superbia onnisciente, allora si svuotano in un cristiano le tre virtù teologali ed anche gli altri carismi. C’è da tremare davanti ai morsi quotidiani di Satana, con cui egli tenta di iniettarci, goccia per goccia, soprattutto il suo liquore inebriante, prima per introdurci nella confusione per poi disperderci. Infine c’e da tremare, poiché Leviatan ci seduce fortemente con una falsa sicurezza, come ha già fatto con gli apostoli prima della passione di Gesù, i quali hanno sottovalutato le sue predizioni e la profondità del mistero dell’iniquità. «Satana vi insidia col farvi sentire adulti, sicuri, col fare riporre in voi stessi, nelle vostre idee, nelle vostre azioni il motivo della vostra sicurezza» (M. 8. 7. 1977).


5. «Ti promettiamo ancora la massima fedeltà al Vangelo, di cui saremo sempre annunciatori integri e coraggiosi, se necessario, fino all’effusione del sangue» (Atto di consacrazione). Per questo io non accetterò mai una rottura con la Tradizione apostolica, perché uscirei dalla Chiesa apostolica, anzi non sarei più fedele al Vangelo e quindi a Cristo stesso.
«La vera povertà dello spirito è il dono che Io faccio a chi chiamo. E’ il vuoto che attira il mio amore. E’ l’onda su cui si può ascoltare e capire la mia Voce» (M. 31. 12. 1976). La Poetessa del Magnificat canta in molti messaggi un inno incomparabile alla virtù dell’umiltà. Soltanto se siamo veramente poveri in spirito, possiamo ascoltare e capire la sua Voce: essa ci dice in diversi messaggi che ci troviamo oggi nella fase conclusiva della battaglia apocalittica. Per essa la celeste Condottiera ha formato la sua schiera conducendola, mediante la consacrazione vissuta al suo Cuore Immacolato, in alto sul monte vittorioso di Cristo Crocifisso e Risorto. Ma soltanto quei montanari, che sono giunti ai livelli molto superiori alla vita mediocre, osservano nitidamente nella luce divina il campo globale della battaglia e scorgono le mosse della schiera dell’Avversario. Questi eroici scalatori sono “annunciatori forti di tutte le verità della fede cattolica, mentre si oppongono, con forza e coraggio, a tutti gli errori” (cf. M. 13. 6. 1989).
Come ha predetto profeticamente Don Stefano nella meditazione sulla battaglia di Gedeone contro i Madianiti, solo un resto del Movimento sarà disposto alla salita eroica del Calvario fino alla fine, ma con esso la Madonna otterrà il suo trionfo. In quest’orizzonte del mistero pasquale di Cristo e della Madre sua, attualizzato oggi (lo spiegano molti messaggi), Padre Quartilio ha messo alla fine delle sue due lettere le sette domande importanti.


Don Ivan Pojavnik


- - - - - - -


There is less prayer than ever before, more sin than ever before, even worse, indifference as if sin no longer exists, and so we have given much greater power to “the father of lies”, Satan (Jn 8:44). In particular Satan has more power to “disguise himself as an angel of light” (2Cor 11:14), to offer his very deadly beautiful lies as if they were the “truth that sets us free” (Jn 8:32)!
Thus it is very important in these times of great confusion, when even Catholic bishops are no longer in agreement about the fundamentals of our faith and morals, to not only pray much and to study the Catechism of the Catholic Church for adults, but to keep our eyes open so as not to fall into the beautiful lies of Satan presented as if they were the Truth!
FOR UPDATES on some of these fundamental, hidden, and disguised deceptions of the ancient serpent, visit one of my index web sites to see the more important, latest articles:
(as well as the DOCUMENTS REGARDING ECCLESIAL APPROVAL of the TESTIMONY OF GLORIA POLO):
Father Joseph Dwight
- - - - - - -
C'è meno preghiera che mai, più peccato che mai, ancora peggio, l'indifferenza come il peccato non esistesse più, e perciò abbiamo dato tanto potere al “padre della menzogna”, Satana (Gv 8,44). In particolare Satana ha più potere di “mascherarsi come un angelo di luce” (2Cor 11,14), per offrire le sue belle bugie mortali come fossero “la verità che ci fa liberi” (Gv 8,32)!
Perciò è molto importante in questi tempi di grande confusione, quando perfino i vescovi cattolici non sono più d’accordo in quando riguarda le cose fondamentali della fede e della morale, di non soltanto pregare molto e di studiare il Catechismo della Chiesa Cattolica degli adulti, ma di tenere i nostri occhi aperti per non cadere nelle belle bugie di Satana presentate come fossero la Verità!!!
PER GLI AGGIORNAMENTI sugli inganni fondamentali, nascosti e mascherati del antico serpente, visitate uno dei miei siti indici per vedere gli ultimi articoli più importanti:
(e anche I DOCUMENTI DELLA APPROVAZIONE ECCLESIASTICA della TESTIMONIANZA di GLORIA POLO).
Don Jo (Joseph) Dwight




No comments: